‘La fotografia immobiliare, più che bella deve essere realistica ed efficace, insomma una fotografia che vende’

In cosa consiste nello specifico la fotografia immobiliare?? Questa è una domanda che richiede una riflessione piuttosto complessa. La risposta che sembrerebbe scontata è: “La fotografia immobiliare è uno strumento di marketing che serve a vendere case, più velocemente e al prezzo più alto”. Ma non è solo questo, naturalmente. Per come la penso io la fotografia immobiliare deve essere in grado di mettere in luce prima di tutto la professionalità di chi vende la casa; deve contribuire a trasmettere questa serietà e questa attenzione al tipo di bene prezioso che sta vendendo.

Il fotografo immobiliare non dovrebbe puntare a fare semplicemente la fotografia più bella possibile ma concentrarsi sul modo di ottenere la fotografia più “efficace” possibile.

Naturalmente lo fa scattando una fotografia impeccabile dal punto di vista compositivo e tecnico; ma soprattutto deve essere una fotografia che vende. Nell’inquadratura deve poter comparire tutto lo spazio di ogni stanza (ogni metro quadro ha un valore e io lo devo documentare), lo stato di conservazione, la luminosità relativa e gli affacci (ove ce ne siano). In modo da avere una fotografia che spingerà un eventuale Compratore ad andare a visitare quella casa prima di un’altra. E spesso, in un mercato dove le vetrine immobiliari sono sovraccariche di offerte, una foto convincente può fare una grande differenza.

Una foto “che vende” è il risultato di un ragionato equilibrio tra bellezza, onestà e creatività. Soprattutto quest’ultima: perchè, a differenza della carta stampata di una rivista, oggi le case si selezionano sul web e tutto succede più in fretta. L’immagine di apertura ti deve colpire in meno di un secondo, ti deve spingere a cliccare su quell’annuncio per andare a vedere cosa c’è oltre quella foto


Richiedi maggiori informazioni